Rimini, lo dici e sorridi!

Ponte di Tiberio

La costruzione del Ponte di Tiberio sul fiume Ariminus, oggi Marecchia, fu avviata dall’ imperatore Augusto nel 14 d.c. e ultimata da Tiberio nel 21 d.c. Sopravvissuto alle guerre greco-gotiche del VI° secolo d.c. e ai bombardamenti della seconda guerra mondiale, il ponte, oggi pedonale, collega il centro storico della città al pittoresco borgo di San Giuliano.

Il Ponte di Tiberio rappresenta uno dei più notevoli ponti romani superstiti ancora oggi. Insieme all’Arco di Augusto, il ponte costituisce uno dei simboli fondamentali del potere imperiale a Rimini, in cui gli abitanti si identificarono. Ancora oggi, i due monumenti romani, fanno parte dello stemma del Comune di Rimini.

Costruito in pietra d’Istria, ha una struttura composta di 5 arcate a tutto sesto con edicole cieche tra le imposte degli archi. L’ampiezza degli archi aumenta verso il centro, dove si trova l’arco più grande. Ai bordi della pavimentazione presenta alcune lastre di pietra con iscrizioni latine. L’orientamento dei piloni di appoggio è obliquo rispetto all’asse del ponte, in modo da assecondare la corrente del fiume riducendone la forza d’urto, motivo per cui il ponte ha retto indenne 20 secoli.

Dal ponte di Tiberio partivano in antichità due strade, la via Emilia che collegava Rimini a Piacenza e la via Popilia che portava fino a Ravenna.  Esso costituiva uno snodo fondamentale della Rimini Caput Viarum.