Rimini è... ARTE
Rimini in viaggio nella Signoria dei Malatesta

La Signoria dei Malatesta è un passaggio della storia di Rimini che trasformerà per sempre il carattere di questa città rendendola – ancora oggi – un vero e proprio scrigno di opere d’arte uniche nel loro genere e di rara bellezza. C’è infatti un momento della storia culturale e artistica d’Italia di cui Rimini conserva, senza dubbio, alcune delle testimonianze più importanti e significative: il Rinascimento.

Il ‘400 e ‘500 per la città di Rimini è stato, infatti, un periodo di vivace crescita e trasformazione urbanistica nel segno del bello e dell’armonia. Ma anche nel segno di un personaggio dalle gesta davvero incredibili: Sigismondo Pandolfo Malatesta. Signore di Rimini e dell’omonima Signoria, Capitano di ventura e uomo d’arme al servizio di papi e re, a lui si devono due tra i principali monumenti della città: il Tempio Malatestiano e Castel Sismondo.

Il Tempio Malatestiano è una delle architetture più significative del ‘400 italiano e merita senza dubbio una completa e approfondita visita. Progettato da Leon Battista Alberti è sintesi del contributo dei più grandi artisti dell’epoca e conserva importanti opere di maestri quali Matteo de’ PastiAgostino di Duccio e Piero della Francesca.

Castel Sismondo, invece, con le sue mura di cinta sul fossato di recente ristrutturazione e riqualificazione, rappresenta il contributo del Rinascimento sull’architettura civile della città. Eretto in un momento di grande prosperità per la Signoria e concepito un po’ come fortezza e un po’ come palazzo, Castel Sismondo porta la firma, tra gli altri, di Filippo Brunelleschi che – come narrano le cronache – fu consulente di Sigismondo per la sua costruzione.

Vivi la città di Rimini da riminese con la Rimini Style Card!
Tra castelli e paesaggi mozzafiato, viaggia con la Rimini Country Card